I lavori pericolosi ora potranno essere svolti anche dai 15 anni d’età

Articolo scritto in data 22 aprile 2024

A partire dal 1° aprile, il Consiglio federale svizzero ha introdotto una significativa modifica normativa che permette ai giovani di età superiore ai 15 anni di svolgere, a determinate condizioni, lavori precedentemente considerati troppo pericolosi per questa fascia d'età. Questa revisione normativa è particolarmente focalizzata sui giovani che necessitano di formazioni transitorie, come i pretirocini e i pretirocini d'integrazione, spesso destinati a giovani con difficoltà di apprendimento o problemi legati al contesto migratorio.


Definizione di lavori pericolosi e condizioni per l'impiego

Le mansioni definite pericolose sono quelle che, per la loro natura o per le condizioni in cui vengono eseguite, possono pregiudicare la salute, la formazione, la sicurezza e lo sviluppo psicofisico dei giovani. Sebbene l'impiego di giovani in attività pericolose sia generalmente proibito, la nuova ordinanza permette deroghe specifiche, specialmente nel contesto delle formazioni transitorie, garantendo che questi lavori siano svolti in condizioni strettamente controllate.
Per svolgere tali lavori, le aziende devono ottenere un'autorizzazione eccezionale e temporanea dall'Ispettorato cantonale del lavoro, dimostrando di aver adottato misure adeguate per proteggere gli apprendisti. Queste misure includono non solo la supervisione costante, ma anche la formazione specifica sui rischi lavorativi e l'implementazione di un ambiente lavorativo che rispetti rigorosamente le normative di sicurezza.

Le opportunità offerte dalle formazioni transitorie

Le formazioni transitorie sono una parte cruciale di questa nuova ordinanza, organizzate da entità diverse come INSOS, gli uffici cantonali o certe associazioni private. Questi programmi sono progettati per fornire competenze pratiche e teoriche che possono aprire le porte a lavori pericolosi ma ben pagati, offrendo così ai giovani un percorso alternativo e remunerativo nel mondo del lavoro.

Implicazioni e futuro della normativa

La decisione di abbassare l'età minima per l'accesso a determinati lavori pericolosi a 15 anni riflette un equilibrio tra il bisogno di sicurezza e l'opportunità di sviluppo professionale per i giovani. È essenziale che le autorità continuino a vigilare sull'implementazione delle norme per prevenire qualsiasi rischio di sfruttamento e garantire che la sicurezza dei giovani lavoratori sia sempre la priorità.

Sicurezza e innovazione nei lavori pericolosi

Per i giovani che accedono a questi lavori, non si tratta solo di affrontare rischi, ma anche di cogliere l'opportunità di lavorare in settori all'avanguardia come quelli tecnologici o chimici, che pur presentando sfide in termini di sicurezza, offrono formazioni avanzate e competenze altamente richieste nel mercato del lavoro.

Valutazione e feedback continui

Per garantire che la normativa sia effettivamente vantaggiosa e sicura, il governo e gli enti di formazione devono instaurare un sistema di feedback continuo con le aziende e i giovani lavoratori. Questo approccio permetterà di apportare miglioramenti costanti alle politiche e alle pratiche, assicurando che i giovani siano veramente supportati e protetti nei loro percorsi lavorativi.

L'audace passo della Svizzera verso l'integrazione lavorativa dei giovani con questa nuova normativa cerca di bilanciare le esigenze di formazione professionale con la tutela della loro sicurezza e sviluppo. È vitale monitorare continuamente l'efficacia di queste modifiche normative per assicurare che i giovani lavoratori beneficino di queste opportunità senza essere esposti a rischi inaccettabili. Attraverso una regolamentazione attenta e un dialogo aperto tra tutti si può mantenere un equilibrio tra sviluppo professionale e sicurezza, fornendo ai giovani lavoratori svizzeri accesso a opportunità lavorative sia sicure che economicamente vantaggiose.


Condividi sui social


INSERISCI COMMENTO